Booking

Booking online

Powered by 5stelle*

Data di arrivo
Data di partenza

 

Strada dell’architettura

“E’ ben questa la Marca Trevigiana così feconda di messi e d’artisti; sono ben questi i colli “esercitati dal piè dell’immortal storia”: di lassù, dove tanto sangue inzuppò le zolle, la torre d’Ezzelino guata ancora, solitaria e accigliata; più oltre sorridono sotto l’edera le rovine del castello di Caterina Cornarodove la bella regina di Cipro si consolò dall’esilio e tenne corte d’amore; tra quei mandorli in fiore ondeggia ancora la veste di Fiammetta e la piuma del tòcco di Rambaldo; qui il Bembo pensò ai suoi Asolani; laggiù il Giorgione da Castelfranco pinse le sue dolci Madonne, e, accanto al passato, freme il presente, con le sue ciminiere sempre fumanti, con le sue filande dalle insonni spole, con i suoi torchi sprementi il biondo vino e l’olio dei colli lieti di vigne, argentei d’oliveti.”
(Paola Bianchetti Drigo)

“Chi non abita in città smisurate, ma in piccoli centri ha la natura, si può dire, fuori della porta di casa. Io vivo in uno di questi luoghi, fortunatissimo perchè giace tra colli dolci e aspri, sotto alti monti. Dorsi, pendii, valli e vallette, fratte, macchie e boschi, ruscelli e prati, tutti a due passi. Anche se nessuno più li compie quei due passi.”
(Tito Spagnol)