Tradizioni di Capodanno da un Polo all’altro!

In ogni famiglia che si rispetti i festeggiamenti per la notte di San Silvestro e per il giorno di Capodanno sono ricchi di usi e tradizioni che in ogni parte del mondo cambiano per acquisire significati diversi.
Dopo i giovani che amano divertirsi nelle discoteche, come l’Art Cafè a Roma, e salutare il nuovo anno ballando. C’è chi ama saltare in un lago ghiacciato con dei tronchi e chi, invece, pulisce tutta la casa. In Spagna per esempio si prendono dodici chicchi d’uva e se ne mangia uno ad ogni rintocco della mezzanotte per assicurarsi un anno pieno di prosperità, in Germania ci si traveste e si accoglie il nuovo anno mangiando dolci di marzapane a forma di maiale. Ancora, in Danimarca si rompono dei piatti contro le porte dei vicini mentre in Svizzera basta far cascare del gelato sul pavimento.


Come sappiamo, in Italia si mangia il tradizionale cotechino con le lenticchie invece in Belgio è diffuso l’uso di gustare una zuppa di cipolle gratinata all’alba del primo giorno dell’anno; in Grecia la cipolla la appendono alla porta di casa!
Gli inglesi saltano in un cerchio fatto da tredici candele rosse accese e i russi festeggiano ben due volte l’anno.
Insomma, paese che vai, usanza che trovi!

Il Capodanno cinese

Un discorso a parte va fatto per il Capodanno Cinese detto anche festa di primavera che a seconda del calendario lunare può avvenire tra il 21 gennaio e il 19 febbraio. Al contrario del nostro Capodanno che dura un unico giorno qui i festeggiamenti si protraggono per ben quindici giorni e termina con la festa delle lanterne, il cui nome deriva dall’usanza di accendere moltissime lanterne durante le ore notturne.
Nei giorni del Capodanno, in Cina, ci si veste di rosso per impaurire il grande mostro mitologico Nian che una volta l’anno divorava gli umani. Infatti, i festeggiamenti si concludono con il corteo della maschera di leone che rappresenta Nian.

Chi arriva prima?

Ma tra tante tradizioni e i mille festeggiamenti i primi ad iniziare sono gli abitanti dell’isola di Kiritimati, nell’ Oceano Pacifico, che a causa del fuso orario sono i primi ad arrivare alla mezzanotte.
Invece, gli ultimi ad entrare nel nuovo anno sono, gli abitanti delle isole Samoa in Polinesia.
Prima o dopo però non importa quello che conta è brindare all’arrivo di un anno pieno di gioia, salute e prosperità con le persone che anno dopo anno ci stanno accanto.

Booking

Booking online

Powered by 5stelle*

Data di arrivo
Data di partenza